Viaggi,  Viaggi nel mondo

Parigi. Capitale turistica mondiale

Parliamo di Parigi, capitale mondiale del turismo

 

Nonostante la crisi economica e malgrado i tragici eventi degli ultimi anni, in particolare a Parigi , causati dal terrorismo internazionale, la Francia ha saputo reagire e continua a far sognare milioni di persone in tutto il mondo e con più di 89 milioni di turisti internazionali, oggi è la prima destinazione mondiale. Questo successo si appoggia principalmente sul turismo urbano della sua capitale. 

Ma cosa si intende per capitale turistica mondiale e come ha fatto  una grande metropoli come Parigi a diventarlo?

Le sue potenzialità sono davvero eccezzionali : il patrimonio culturale straordinario e i siti turistici di grande importanza prima di tutto.

La sua posizione geografica potrebbe essere una delle ragioni del successo di questa capitale, trovandosi al centro di un bacino sedimentario convergente e fertile, che nel passato ha permesso alla monarchia di Hugues Capet (940-996 d.C ) di tassare il circuito economico del grano e di altri beni provenienti dalle diverse parti dell’Europa.

Il sito d’origine é a sua volta straordinario, appongiandosi su delle colline secche e salubri, lontano dal fenomeno delle paludi e sulle isole della Senna (île de Cité), utilizzate in passato come luogo di difesa.

La sua dimensione monumentale si potrebbe spiegare attraverso la storia : Parigi é stata città romana di grande importanza (Lutèce), capitale sotto i Merovingi e i Carolingi ed é diventata definitivamente capitale sotto Hugues Capet.

In secoli di storia i suoi re di Francia hanno lasciato un patrimonio di magnifiche cattedrali : Notre-Dame-de-Paris, di Senlis, di Soissons, di Beauvais, di Chartres, oppure di chiese : la basilica di Saint-Denis e la Sainte Chappelle come esempio, ma anche di castelli, tra i quali : il Louvre, che ospita il museo più ricco di opere al mondo, la reggia di Versailles, capolavoro dell’arte classica costruito dall’architetto Mansart per Luigi XIV, il castello di Malmaison, à Saint Germain Au Laye, ed infine di quartieri : il Marais, che ospita le dimore private    dell’aristocrazia dell’ancien régime, il quartiere latino, dove dal Medioevo si sono installate le università, come la Sorbonne, le chiese, in particolare il Pantheon, che oggi accoglie le tombe di grandi uomini della storia, il quartiere des halles, completamente ristrutturato alla fine degli anni 60 ed infine il quartiere neoclassioco che circonda la piazza della Concordia, affiancata da due maestose dimore, tra cui una che ospita Le Crillon, storico hotel di lusso parigino. 

Ma Parigi deve molto anche ai periodi imperiali. Del primo periodo, l’Arc de Triomphe é ciò che oggi desta la più grande ammirazione. Collocato all’inizio degli Champs-Elysees, al centro della Place de l’Etoile, é una versione neoclassica degli antichi archi di trionfo dell’Impero Romano. Napoleone III invece, durante il periodo del secondo impero, diede il compito al suo prefetto Haussman di apportare grandi trasformazioni alla città, creando splendidi viali, di modernizzando la morfologia urbana e fece costruire inoltre, nel 1861, l’Opera Garnier.

Infine Parigi deve molto anche alla Repubblica: la Tour Eiffel, costruita nel 1889 in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi, é il simbolo della città stessa, i Petit et Grand Palais, padiglioni espositivi in muratura e vetro, costruiti anch’essi in occasione dell’Esposizione Universale del 1900 all’interno dei giardini degli Champs Elysées, la Biblioteca Nazionale di Francia ‘F. Mitterand’, il nuovo Pont des Arts, le halles Baltard, esemplare insieme di ferro, ghisa e vetro e per concludere i magnifici grandi magazzini, risalenti alla fine del XIX secolo, sono unici al mondo : Bon marchéBazar de l’hotel de Ville,  SamaritaineGaleries LafaiettePrintemps etc. 

Per finire su un’epoca più recente non possiamo non citare l’Arc de la Défense, la Cité des Sciences et de l’Industrie, l’Institut du monde Arabe, l’Opéra Bastille e il Centre Pompidou. 

Per gli appassionati di musei, Parigi offre una scelta ricca e diversificata, sono infatti più di ottanta. Tra i più famosi il già citato Louvre, inoltre il Musée d’Orsay, all’interno di una vecchia stazione, il museo Carnavalet, sulla storia di Parigi, il Musée National Picasso, il Musée National de la Marine e il Musée de l’Armée

L’offerta di Parigi dal punto di vista turistico, é eccellente anche per gli eventi, la gastronomia e il divertimento. 

Parigi é ricchissima di piccoli e grandi teatri, come quello di Chatelet, degli Champs Elysées, dell’Odéon, della Comédie Français, degli Abbesses ecc., ma anche di tanti cabaret e cantine dove si esibiscono artisti e musicisti, di cinema, con oltre 400 sale e di sale di concerti, tra le quali Pleyel, BataclanBastille, Le ZénithBerciGrand RexOlympia. Oltre a tutti questi spazi per gli eventi, la città offre anche diverse gallerie di antiquari, come le famose Puces, a Saint-Ouen. 

Insomma, per questo ambiente parigino che si nutre di artisti di ogni genere,  la città utilizza anche i suoi caffé più celebri, che si trovano proprio nel centro : Maxim’sles deux magots, le Café de FlorLe Fouquets, le Café de la paix, la Brasserie Lipp , mentre per immergersi nella famosa vita notturna parigina ci sono il Crazy Horse, il Paradis Latin ecc. Ma la « ville lumière » é pronta anche a ricevere il turismo degli affari e dei congressi, grazie a trasporti efficenti e hotel e ristoranti di tutti i livelli. 

Un’altra motivizione che porta il turista a Parigi é da sempre lo shopping alla ricerca del lusso francese rappresentato dalla moda parigina. Parigi, con i suoi negozi, strade commerciali, zone pedonali, boutique di alta moda e gioiellerie ne costituisce la più importante vetrina.

La ristorazione é da sempre un’altra componente molto importante nelle offerte di questa città e lo dimostra la moltitudine di ristoranti stellati : Pierre GagnaireGuy SavoyLe pré CatelanL’atelier de Joel Robuchonla Tour d’Argent, l’ArpègeAlain Ducasse e altri. 

In ultimo, ma non meno importante come numero di turisti, con più di 16 milioni di visitatori negli ultimi anni, troviamo Dysneyland Paris, a Marne-La-Vallée, apprezzatissimo parco di divertimenti situato alle porte di Parigi, che offre attrazioni e spettacoli straordinari.

Adesso cerchiamo di capire grazie a quali strategie questa città da sogno é diventata capitale turistica mondiale, a discapito della crisi, dell’instabilità e della concorrenza delle altre metropoli.

Prima di tutto citerei l’aumento esponenziale degli ultimi anni dei soggiorni brevi: anche chi dispone di pochi giorni o semplicemente di un fine settima infatti, a Parigi può immergersi completamente nella vita della città, grazie alla grande varietà di offerte.

In secondo luogo la facilità di accesso. La Francia infatti, si appoggia su reti di comunicazione centralizzate, che collegano Parigi al resto del paese. La rete autostradale mette Parigi in collegamento con tutta l’Europa e il famoso T.G.V. trasporta i passeggeri verso la regione parigina. La piattaforma aeroportuale Roissy-Charles-De-Gaulle é la seconda in Europa per traffico di passeggeri, ma l’aumento delle compagnie aeree low-cost e l’acquisto di biglietti direttamente su internet ha permesso lo sviluppo di altri aeroporti, come quello di Orly e Beauvais.

Possiamo dire che la densità di reti di comunicazione e la riduzione del tempo di viaggio sul territorio europeo sono i fattori favorevoli al turismo del week-end e ai soggiorni brevi che privilegiano il turismo urbano.

Un’altro, tra i fattori principali di questo successo, é l’adeguata sistemazione del turista. Cosa significa? A Parigi sono presenti le più importanti catene alberghiere del mondo, ci sono hotel di lusso dai nomi mondialmente conosciuti (Plaza Athenée, Crillon, George V), ma anche una grande quantità di hotel alla portata di tutti, certificati, perfettamente collegati con il centro della città ed infine gli hotel indipendenti, di piccola capacità, spesso a conduzione famigliare.

Una parola anche sul successo delle nuove pratiche di alloggio in città, attraverso lo scambio di appartamenti tra una città e l’altra del mondo (Airbnb).

Queste sono soltanto alcune delle strategie che hanno portato Parigi sul podio delle città più visitate al mondo, rendendola una meta turistica attrattiva da qualsiasi punto di vista: culturale, gastronomico, ludico, ma anche per gli affari, gli eventi e le manifestazioni.

Una capitale turistica mondiale é un luogo con un insieme di caratteristiche emblematiche come una posizione geografica vantaggiosa, delle caratteristiche naturali, culturali e storiche di interesse internazionale, ma non solo, se si vuole ottimizzare la frequentazione turistica é indispensabile una certa attenzione per l’arredo urbano, le infrastrutture e le reti di comunicazione. Insieme all’attratività, la sicurezza rimane sempre il secondo pilastro portante.

Miriam

 

 

 

 

Viaggiatrice, lettrice, scrittrice e sognatrice.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *